MENU

HOMEPAGE SEI UN CANDIDATO? SEI UN AZIENDA? BLOG E-COMMERCE
Cerca annunci di lavoro
Fai la ricerca e candidati alle offerte che ti interessano
Regione
Categoria cerca
Pubblicato il 09 maggio 2017 in News
Per i medici e per gli infermieri allettanti offerte dal Galles

Nel gergo dei reclutatori è una cosiddetta “offerta di valore”. Ossia una proposta di lavoro confezionata in modo da attrarre candidature il più possibile interessanti. Ciò che è abbastanza inusuale che a formularla sia addirittura il Governo di un paese, nel nostro caso il Galles. Prevalentemente montuoso e affacciato sul Mare d’Irlanda, il Galles ha una superficie di poco inferiore a quella della Lombardia, rispetto alla quale però ha meno di un terzo di abitanti. Pur restando parte integrante del Regno Unito, in virtù della devolution dal 1999 ha un’assemblea nazionale legislativa e un esecutivo presieduto da un primo ministro.

Ma qual è l’offerta di valore? È rivolta agli operatori sanitari di cui c’è carenza un po’ in tutta la Gran Bretagna. Per invogliare medici o infermieri di ogni parte del mondo a trasferirsi in Galles da qualche anno sono state lanciate una serie di campagne all’insegna dello slogan “Train, work, live” (dunque “formati, lavora, vivi”), corroborate da allettanti incentivi.  A promuoverle dal marzo del 2015 c’è anche una pagina Facebook, in cui compaiono post che decantano i paesaggi e gli stili di vita gallesi. Insomma, non ci si è dimenticati del marketing.

 

Difficile stimare quanti sono gli italiani che si sono già stabiliti a Cardiff e dintorni. Non sono comunque pochi. Alcuni mesi fa Eleonora Billardello, una 27enne toscana laureatasi in infermieristica a pieni voti, ha raccontato ad un sito di news la sua esperienza. In Italia le era capitato di partecipare ad un concorso in cui i candidati erano 15 mila e il posto da assegnare uno solo. In Galles, grazie anche al fatto che parla un fluente inglese, ha trovato rapidamente occupazione. “Il contratto mi è stato fatto dopo 40 minuti di colloquio su Skype. Lavoro tre giorni alla settimana, con turni di 12 ore e mezzo, intervallate da due pause di mezz’ora – ha riferito –, e ho la bellezza di quattro giorni liberi. Il primo mese ho fruito di un alloggio gratuito e ogni sei mesi, sempre gratis, ho diritto ai voli aerei per fare un salto a casa”.

 

Nei paesi d’oltre Manica si contano decine e decine di agenzie specializzate nel reclutamento, a livello nazionale e internazionale, di operatori sanitari. A titolo di curiosità, il prossimo 23 maggio a Torino è in programma ad esempio una selezione di personale infermieristico commissionata da tre ospedali irlandesi. Retribuzioni annue comprese fra le 27 mila e le 42 mila sterline.

SCRITTO DA
Ugo Ravaioli

Ugo Ravaioli

Ugo Ravaioli, forlivese, giornalista professionista e scrittore, ha lavorato per oltre trent'anni a "Il Resto del Carlino", dirigendo varie redazioni provinciali. Oggi la sua attività è rivolta alla comunicazione d'impresa e alla manualistica aziendale. È autore inoltre del libro umoristico "Né Paco né Willy figuravano tra questi".
Condividi questo articolo
Lascia un commento
invia
Sito realizzato da Yourbiz.it - Web Agency
Sei un candidato e vuoi contattarci? Clicca qui